Tim Burton alla Festa del Cinema di Roma: “Un sequel di Edward Mani di Forbice? C’è la versione porno, siamo a posto così”


Il regista e creatore di mondi americano Tim Burton riceve un premio alla carriera dalla Festa del Cinema di Roma e incontra i giornalisti in conferenza stampa.

Dopo aver celebrato nei giorni scorsi Quentin Tarantino, la Festa del Cinema di Roma ha consegnato un premio alla carriera anche a un altro regista americano con uno stile inimitabile, creatore di magici mondi cinematografici visivamente strabilianti.
Nato a Burbank in California nel 1958, il 63enne Tim Burton è uno dei cineasti più originali che la storia del cinema abbia mai conosciuto. Quasi tutti i titoli da lui diretti potrebbero essere considerati cult movie, a cominciare dai più recenti Miss Peregrine, Big Eyes, Frankenweenie, passando per Dark Shadows, Sweeney Todd, La sposa cadavere, Big Fish, i più o meno riusciti remake di Dumbo, Alice in Wonderland, La fabbrica di cioccolato, Il pianeta delle scimmie, i favolosi anni 90 con Il mistero di Sleepy Hollow, Ed Wood, Batman e Batman – Il ritorno, incluso il sottovalutatissimo Mars Attacks!, e quei capolavori degli anni 80 di nome Beetlejuice e Edward – Mani di forbice.

Con i suoi film, Tim Burton ci ha invitato nel gotico universo in cui abita la sua fantasia, fatto di paure e sentimenti che animano personaggi cupi e malinconici, stravaganti e solitari, tormentati dallo sforzo nel comprendere dove sia la linea di confine tra la loro normalità e quella del mondo che li circonda.
“È davvero speciale per me ricevere questo riconoscimento dalla Festa del Cinema di Roma. Federico Fellini, Mario Bava e Dario Argento sono stati importanti fonti di ispirazione nella mia vita. Ritirare questo premio a Roma, un luogo che amo, una città che ti fa sentire protagonista del tuo stesso film, è per me molto emozionante” aveva dichiarato il regista accettando l’invito della manifestazione.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti in conferenza stampa, Burton ha esordito dicendo che “nonostante non faccia un film da due anni, tutti i progetti che scelgo hanno per me una valenza emotiva, anche nel caso delle storie non create da me. Realizzare un film è una cosa così complessa e difficile che io ho bisogno di sentire una profonda passione per riuscire ad arrivare alla fine del processo di lavorazione”.
C’è fermento in sala, le domande sono tante ed è comprensibile, vista la lunga filmografia del regista e l’intimo rapporto che ognuno ha con le sue storie.
“Edward Mani di Forbice e Ed Wood sono in assoluto i due personaggi tra quelli che ho creato che mi somigliano di più, per quanto al contrario di quest’ultimo io non indossi vestiti da donna”, spiega Burton prima di commentare la oltre trentennale collaborazione con il compositore Danny Elfman. “Ho perso la cognizione del tempo… in questo momento lui è a Los Angeles sul palco per un concerto di Nightmare Before Christmas con Billie Eilish nella parte di Sally, mi dispiace non essere là ma sono felice di essere qui. Danny è anche un personaggio [nella versione originale è la voce di Jack Skeleton, ndr], ma è più o meno così che considero tutti i miei collaboratori di lunga data, dallo scenografo, al compositore, al direttore della fotografia… come personaggi dei film. Lavorare insieme a loro è fondamentale, per me sono attori a tutti gli effetti”.

Di cosa ha paura Tim Burton? Una domanda semplice ma calzante arriva da un giornalista. “Non ci crederete ma io ho paura di questo esatto momento. Vi vedo e siete tutti fantastici, però io non ho dormito la notte scorsa pensando a questo momento ed è una cosa alla quale non mi abituerò mai”. Un applauso di incoraggiamento si leva dalla sala, “grazie per essere pazienti con me”. La paura invece non ha mai fatto parte del suo percorso artistico ed è questo stesso consiglio che dà agli aspiranti sceneggiatori, registi, raccontastorie, di non temere i fallimenti e di lasciarsi guidare dall’amore e dalla passione per quello che si fa, qualunque cosa sia, perché solo così si può avere una chance di fare qualcosa di speciale.

Le risa esplodono in sala quando, alla domanda su un ipotetico sequel di Edward Mani di Forbice di cui si vocifera da tempo, Burton risponde scherzosamente che, dopo aver visto la versione porno intitolata Edward Mani di Pene e il suo seguito Edward Mani di Pene 2, “bè, siamo a posto così, un sequel è stato fatto”. A proposito di Johnny Depp e dei tanti film fatti con lui, “è per me molto entusiasmante vedere un attore fare cose diverse da una volta all’altra. Lui è un mio amico e non avrei problemi a lavorarci di nuovo insieme” sebbene Hollywood lo abbia momentaneamente messo alla porta per le sue vicende giudiziarie con l’ex moglie Amber Heard, “una questione su cui avrei cose da dire, ma non abbiamo molto tempo a disposizione”, chiude saggiamente il regista.

Forse non è a suo agio come dice essere di fronte a un pubblico, eppure più passano i minuti e più Burton guadagna disinvoltura, per quanto le sue risposte rimangano sintetiche e in alcuni casi elusive. E pur restando adorabilmente timido.
Perché non ha ancora vinto un Oscar? “Ho un Golden Globe e mi basta… anzi no, non ho nemmeno quello”.
Qual è l’opinione più sbagliata che la gente ha di lui? “Pensano che abbia una personalità dark, visti i miei film, e invece non è per niente così”.
Ci sarà un altro film su Dumbo? “Dopo aver completato quel film ho avuto una sorta di esaurimento nervoso, mi sentivo io Dumbo mentre lavoravo con la Disney e sono dovuto arrivare alla fine del progetto per capire quanto fosse autobiografico. Devo dire che ne sono rimasto traumatizzato, in un certo senso”.
Come ha origine la fiamma di un’idea nel suo processo creativo? “Mah, vado al bar, bevo un paio di bicchieri e poi cosa succede… no seriamente, io sono sempre stato un sognatore ad occhi aperti e mi sono sempre sentito distaccato dagli altri. Passavo ore a guardare gli alberi e il cielo fuori dalla finestra e immaginavo le cose sotto un profilo leggermente diverso. Non avevo scelta, era come mi sentivo e come continuo a sentirmi”.

Qui sotto il trailer di Edward Mani di Forbice che ha recentemente compiuto 30 anni.

Source

“https://www.comingsoon.it/cinema/news/tim-burton-alla-festa-del-cinema-di-roma-un-sequel-di-edward-mani-di/n130498/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐
Clicca qui

<

p style=”text-align: center”>La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

 Bed & Breakfast Sassari

Prenota Ora o richiedi informazioni

 

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: